Bettina Bolla


bettina bollaPer parlare della mia storia di balneare non posso non parlare della storia della mia famiglia.

Io sono figlia e nipote di balneari. Mio nonno materno, Stefano, vendeva le bibite e i krapfen sulla spiaggia, mio nonno paterno, Giovanni, era già, all’epoca, concessionario demaniale.

Mio padre Giorgio, non ha ereditato i bagni, ma ha comprato, alla mia nascita, con i suoi risparmi, un altro stabilimento balneare. Per farlo, ha navigato 15 anni sulle petroliere, fino a quando io ne ho compiuti 7. Ricordo che tornava a casa ogni 7 mesi e aveva un permesso di 20 giorni circa per stare con noi. Credo che quelli siano stati gli anni più brutti per lui e per noi.

Una volta, attraccato a La Spezia, io e mia mamma andammo a trovarlo sulla petroliera. Se chiudo gli occhi riesco ancora a ricordare l’odore acre che c’era e, mi domandai come facesse a sopportarlo.

Ora che sono adulta e che ho una figlia un pò ho capito. (Dico un pò perchè io non sarei mai capace di fare ciò che mio padre ha fatto).

Lui lo ha fatto per noi, per la sua famiglia, per lasciare a me, sua figlia, qualcosa.

Questo è il motivo che mi spinge a combattere e a denunciare con tutte le mie forze ciò che il governo ci sta facendo. Mio padre ha fatto tanto per me, a partire da darmi i mezzi per avere una buona istruzione e di questo lo ringrazio perché altrimenti, ora, vista la situazione, mi sentirei in mezzo ad una strada. Comunque io ho, in passato, fatto scelte di vita importanti, sapendo che avrei avuto un lavoro sicuro nella mia spiaggia.

Sarei ipocrita a non ammettere che questa lotta è anche la mia per avere ciò che mi spetta di diritto, ma credo che mio padre meriti più di me perchè è una vita che lavora su quella spiaggia che è SUA e che nessuno MAI gli deve portare via.

Mio padre ha 70 anni, tra 8 anni, cioè nel 2020 sarà quasi ottantenne. Lascio a voi le considerazioni del caso, sottolineando che lui è molto contento di questa proroga di 5 anni, ancora una volta dimostrando quanto sia attaccato alla sua azienda.

ONORE A MIO PADRE E A TUTTI I BALNEARI « ANZIANI » D’ITALIA PERCHE’ E’ DA LORO E ATTRAVERSO LE LORO STORIE CHE CERTI POLITICI CHE CI GOVERNANO, AVULSI DALLA REALTA’, DOVREBBERO IMPARARE.

Clicca qui per leggere la versione inglese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...