Processo incrociato tra Pizzolante, Gnassi e Vitali


pizzolanteDa Milena Ricci

La polemica,  tra l’On.le Pizzolante (PDL) ed Andrea Gnassi (PD) continua ancora da facebook e noi la riportiamo perché si parla di noi balneari.

Ricordiamo che già a dicembre l’On.le Pizzolante aveva chiesto proprio da facebook ad Andrea Gnassi e a Vitali di confrontarsi sul tema della Bolkestein (vedi articolo). A quanto ne sappiamo tale confronto non c’è mai stato. Troppo scomodo in periodo pre-elettorale?

L’On.le Pizzolante si chiede, ad elezioni avvenute, se la ricetta di  Andrea Gnassi per uscire dalla crisi sia quella di distruggere gli stabilimenti balneari, come del resto evidenziato e denunciato in questo articolo.

Andrea Gnassi al contrario accusa l’On.le del PDL di aver fatto promesse elettorali che riguarderebbero un’estensione della concessione a 40 anni o addirittura l’uscita dalla Bolkestein, venendo di nuovo allo scoperto.

A parte quest’ennesima conferma, noi balneari conosciamo bene la sua posizione, stemperata in occasione del Convegno Nazionale del PD sul turismo (vedi articolo), ma pur sempre a favore delle evidenze pubbliche, mai negate od ostacolate tra l’altro, e del vento di cambiamento che avanza dall’Oriente…

Si veda anche:

intervista di Gnassi a Radio Radicale, che aveva provocato la reazione del Sindaco di Pineto Luciano Monticelli. (vedi articolo)

Manuela Granaiola (Pd) incontra gli imprenditori degli stabilimenti balneari: “Occorre una normativa seria”


granaiolDi Bettina Bolla

Che dire, lei è la nostra Senatrice, la nostra amata Manuela e la ringraziamo per tutto l’appoggio che ci ha dato in questi anni, cercando, con tutta la forza che aveva, di far cambiare idea a molte persone. Bellissimo il suo intervento alla Conferenza Nazionale del PD sul turismo, il più bello e il più sentito.

Vogliamo chiudere con lei la lunga serie di interventi politici, di incontri da parte nostra con alcuni dei candidati. Abbiamo voluto cercare di farci un’idea, di dare un’informazione il più possibile obiettiva, valutando positivamente anche le prese di posizione dell’ultimo minuto, cercando di andare a sensibilizzare laddove abbiamo potuto, compatibilmente alle nostre capacità e possibilità. Ma permetteteci di finire con lei, e simbolicamente con tutti quegli esponenti politici che, da sempre, in periodi non sospetti, ci sono vicini.

Speriamo che con le elezioni si apra una nuova fase per noi balneari dove prevalga il buon senso da parte di chi governerà per avere finalmente quella certezza di impresa che manca dal 2009 e speriamo che si rafforzi e prenda corpo la linea di intervento dell’Italia in Europa.

Armando Cirillo: le promesse del centro destra ai balneari non sono credibili


DownloadedFile-2Sul profilo fb di Armando Cirillo (PD), leggiamo questo:

“A pochi giorni dal voto la coalizione di centrodestra continua a diffondere dichiarazioni non credibili a sostegno delle imprese balneari per perseguire palesemente finalità elettorali. Prima di dire ciò che faranno per la categoria nel futuro, dovrebbero ammettere il fallimento del loro governo che non ha risolto i problemi ed ha creato solo confusione, basta ricordare il diritto di superficie di Tremonti . Perché i parlamentari del PDL, della Lega Nord, quelli confluiti in Fratelli d’Italia , non hanno chiesto in quattro anni al loro governo di riaprire una trattativa con la Commissione europea per difendere la categoria ? Adesso, in piena campagna elettorale, è semplice fare promesse. Non è giusto da parte del centrodestra utilizzare i problemi veri legati alle concessioni demaniali per fare campagna elettorale.Il Partito Democratico , come precisato nella Conferenza nazionale per il turismo del 31 gennaio, si impegnerà per tutelare e rilanciare gli investimenti in innovazione e qualificazione, riaprendo una trattativa con la Commissione europea per verificare la praticabilità di tutte le soluzioni emerse in questi anni dal confronto con le principali organizzazioni degli imprenditori. Per affrontare i problemi delle imprese balneari il futuro governo dovrà istituire uno specifico tavolo tecnico”

Marina di Grosseto: ITB Italia incontra i candidati PD in Toscana


Luca-Sani-mezzobusto-con-giacca-beige-1
Riportiamo la relazione di Antonio Smeragliuolo, delegato ITB Italia in merito all’incontro di oggi, 16 febbraio 2013, a Marina di Grosseto con i candidati PD alla Camera e al Senato per la Toscana
“Oggi a Marina di Grosseto c’è stata una riunione con Luca Sani e Marco Simiani, rispettivamente candidati alla Camera e al Senato per la regione Toscana. Era presente l’assessore al demanio del comune di Grosseto Giancarlo Tei. Walter Maretti, Presidente SIB provinciale, ha fatto un intervento a difesa dei balneari.
 Entrambi i candidati hanno confermato le linee guida emerse dal documento programmatico PD del 31 Gennaio e un serio impegno alla tutela delle nostre attività in un quadro generale di crisi in tutti i settori.
Come delegato ITB ITALIA, per la Toscana sono intervenuto per ricordare i punti salienti del documento ITB italia a difesa del nostro settore e di tutti i concessionari, specie i  portuali con i cantieri navali in crisi. Ho parlato anche di diritto di superficie con la spiaggia in pertinenza diretta che, già a suo tempo, ci avrebbe salvato.
Ho proposto ai candidati di portare avanti come partito la chiara presa di posizione verso l’esclusione dalla direttiva servizi e il riconoscimento di seguito dell’autorizzazione illimitata ex art 11 della direttiva, per rimanere in ambito di normazione europea, per il rilancio del turismo italiano e la salvaguardia delle famiglie dei concessionari e dell’indotto. Ovvero applicare a noi attuali concessionari la direttiva correttamente”
Marco Simiani

Marco Simiani

Il PD presenta il programma definitivo per il turismo


DownloadedFileDopo il convegno del 31 gennaio a Roma, il PD porta sul territorio, agli operatori del settore, il suo programma definitivo per il turismo, che potete leggere cliccando sull’immagine a lato. Si parla delle imprese balneari a pagina 6.
Nonostante siano considerati concetti importanti per il nostro settore, manca il punto fondamentale, cioè l’affermazione scritta che la durata non limitata delle concessioni in essere è presupposto essenziale di ogni e qualsiasi sviluppo del comparto.

Dobbiamo però ammettere che rispetto al programma originario, quello presentato cioè a Milano Marittima, ci sono stati enormi passi avanti. Manca però l’esplicito riferimento a voler tutelare la stabilità nel tempo delle concessioni esistenti, cosa per noi fondamentale.

Tale documento verrà presentato anche in Liguria, lunedì 18 febbraio alle ore 11 presso il Punto Incontro Coop di via Eraldo Fico 55 a SestriLevante.

fonte (comitato balneari liguria)

 

Noi alle accuse rispondiamo così…


logo finalissimoDi Bettina Bolla

Ieri su un gruppo di fb ci hanno accusate di essere schierate a favore del PDL. Noi rispondiamo con i fatti, contando dal 5 gennaio 2013 i post sul PDL, PD, Lega Nord, Centro Democratico, IO AMO L’ITALIA, FARE, MOVIMENTO 5 STELLE, FRATELLI D’ITALIA

PDL (26 POST)

PD (32 POST)

LEGA NORD (7)

CENTRO DEMOCRATICO (5)

IO AMO L’ITALIA (2)

FARE (3)

MOVIMENTO 5 STELLE (4)

FRATELLI D’ITALIA (3)

Tenendo presente che:

– abbiamo sempre citato i partiti che si occupano della questione balneare e non altri di cui non ci sono arrivate informazioni a riguardo

– in 3 post del PDL si criticava la scelta per la Liguria di avere scelto candidati esterni e non amministratori liguri che ben conoscono la nostra regione, la Liguria

– per quanto riguarda il PD abbiamo riportato fedelmente ciò che veniva detto, certo denunciando le uscite della CGIL, ma sempre dando una versione dei fatti obiettiva e distante

– abbiamo accolto e presentato per il CENTRO DEMOCRATICO i balneari che si sono candidati per il suddetto partito, non abbiamo fatto la stessa pubblicità a Barbara De Stefani (PDL Liguria) e, balneare, che forse meriterebbe, anche in virtù della preparazione che ha (Avvocato, ha fatto tesi di laurea sul Codice della Navigazione)

– bisogna poi ricordare che il PDL, a causa della rivoluzione nelle liste di cui siamo stati tutti testimoni, ha iniziato dopo la campagna elettorale e noi vogliamo essere libere di riferire nel modo più oggettivo possibile di incontri avvenimenti e altro, come finora ci sembra di aver fatto.

Mi sto impegnando moltissimo in termini di tempo e di denaro, per riempire i gap di comunicazione che ci sono purtroppo nella nostra categoria e che ci hanno portati fino a questo punto.

Questo nostro lavoro sul blog mi sembra che sia sempre dedicato a riportare i fatti come sono e a dar notizia degli eventi quando essi accadono. Permetteteci, visto che è in ballo il nostro futuro, di capire e di decidere chi votare. Al momento attuale anche noi non sappiamo, ergo non possiamo essere schierate.

Per vedere il PDF Articoli PDL, PD, LEGA NORD, CENTRO DEMOCRATICO cliccare sul simbolo di donnedamare 

Invece per IO AMO L’ITALIA, FARE, MOVIMENTO 5 STELLE, FRATELLI D’ITALIA cliccare QUI DI SEGUITO

Bettina Bolla Per Donnedamare

ITB: un documento per scongiurare le aste


DownloadedFile-1Da Antonio Smeragliuolo

Pubblichiamo l’articolo che riguarda l’importante incontro avvenuto a Silvi Marina il 6 febbraio scorso e che ha visto i rappresentanti di PDL, PD e Centro Democratico convenire che è necessario non mandare all’asta le attuali imprese balneari.

Nell’articolo si parla anche del documento ITB, che consentirebbe, secondo il Presidente Giuseppe Ricci di evitare le aste. Lo stesso documento è stato citato ieri dall’On.le Abrignani su facebook:

“Ricci consegna ad Alfano il documento “No Bolkestein”
Incontro durante la campagna elettorale del segretario nazionale del Pdl. Il presidente dell’Itb Italia e la documentazione “di salvezza” delle piccole imprese balneari italiane dalla direttiva Bolkestein

ASCOLI PICENO – Al ristorante Villa Picena di Colli del Tronto, in una serata che ha visto l’arrivo di Angelino Alfano, segretario nazionale del Pdl, era presente anche una delegazione di Itb Italia con il presidente Giuseppe Ricci il quale ha consegnato ad Alfano il documento che consente al settore turistico-balneare di sopravvivere alla mannaia Bolkestein”.

Non appena avremo il permesso di postarlo, provvederemo a farlo.

foto

Convegno SIB – la Senatrice Roberta Pinotti (PD): “Abbiamo guardato negli occhi le persone che ci sono venute a trovare”


DSC_2020La senatrice Roberta Pinotti (PD), cofirmataria di due emendamenti al “decreto sviluppo” è intervenuta oggi al convegno del SIB e lo ha fatto sottolineando che le imprese balneari hanno bisogno di certezza e di stabilità per affrontare gli investimenti. Considera la proroga dei 5 anni come un periodo minimo per arrivare ad una soluzione che non penalizzi l’intero comparto. Si impegna, come del resto il suo partito ha fatto durante la Conferenza sul turismo del PD, ad aprire nuovamente la trattativa con l’Unione Europea, per trovare una soluzione al nostro problema.

Parla del suo partito e dice che non tutti sposavano le nostre rimostranze e che ci sono state delle dichiarazioni improvide da parte di Armando Cirillo, ma che lei, insieme alla Senatrice Armato e altri aveva presentato un emendamento per una proroga di 30 anni.

Dice di aver guardato negli occhi le persone che la sono andate a trovare, riferendosi alle donnedamare (vd articolo) e di aver compreso la gravità della situazione. A questo proposito la ringraziamo per avere speso delle belle parole su di noi, che facevano trapelare la simpatia che lei ha da sempre provato per noi.

Ci auguriamo di poter intraprendere un cammino insieme per trovare la giusta soluzione al problema che affligge la nostra categoria.

Al contempo chiediamo ai nostri colleghi di riflettere sulla necessità di condividere il nostro problema con i rappresentanti politici che ci rappresenteranno, a volte ci dimentichiamo che c’è qualcuno che fà della buona politica e che è disposto ad ascoltare e a capire prima di altri l’emergenza sociale che si creerà e magari a cercare a tutti i costi una soluzione. Raramente esprimiamo un nostro parere, siamo state sempre obiettive e apartitiche, abbiamo invece sostenuto le singole persone (vedi Angelo Vaccarezza, la Sen. Granaiola e il Sen. Baldini), indipendentemente dal partito di appartenenza, ma oggi ci permettiamo di dire che la Senatrice Roberta Pinotti ci ha convinto definitivamente e che abbiamo visto in lei un’altra importante alleata. Grazie Senatrice!

Stefano Fassina: “vogliamo riaprire la discussione con la Commissione Europea”


images-1Buon intervento di Stefano Fassina a favore della nostra categoria, anche per l’enfasi del discorso. “Dovremmo riaprire la discussione con la Commissione Europea perché non è stata riconosciuta la specificità dell’impresa balneare”.  La concorrenza, se è al ribasso,  fà male alle imprese e di conseguenza anche ai consumatori.

Cliccare su http://www.youtube.com/watch?v=kKpAIeW4bys per ascoltare l’intervento completo, caricato da Ale Stg, che ringraziamo